Notizie dal Settore Legale & Forense

l’avvocato Lorenzo Iacobbi su: Banche. Prescrizione anatocismo – sentenza a favore dei correntisti

Aggiunto il 11 12 2010, in Notizie dal Settore Legale & Forense

Lavv. Lorenzo Iacobbi segnala una fondamentale sentenza della Corte di Cassazione a Sezioni Unite,  n.24418 del 2 dicembre 2010,  con la quale è stato stabilito che i correntisti hanno diritto ad ottenere la restituzione delle somme trattenute dalle banche per interessi illegittimamente addebitati sul conto corrente a titolo di anatocismo, dalla data di apertura del conto e per tutta la durata dello stesso, mentre la prescrizione decennale per chiedere la restituzione decorre dalla chiusura del conto.

Le sezioni unite della Corte di Cassazione hanno aderito all’orientamento già fatto proprio da diversi tribunali, secondo il quale i correntisti hanno il diritto di chiedere alla Banca la restituzione degli interessi anatocistici, vale a dire dell’illegittima produzione degli interessi su interessi, sin dalla data di apertura del rapporto con l’Istituto di credito. La prescrizione decennale di tale diritto, invece, a differenza di quanto sostengono le Banche nelle controversie aventi ad oggetto tale problematica, decorre dalla data di chiusura del rapporto.

Grazie alla sentenza della Suprema Corte tantissimi altri correntisti, che hanno o hanno avuto un contratto di conto corrente (purché non sia stato chiuso da più di 10 anni) che ha registrato degli scoperti ed al quale sono state illegittimamente addebitate somme da parte degli Istituti di credito, potranno agire in giudizio per far valere i propri diritti  chiedendo la restituzione delle somme illegittimamente percepite da detti Istituti.

Con il termine anatocismo (dal greco anà – di nuovo, e tokòs – interesse) si intende la capitalizzazione degli interessi su un capitale, affinché essi siano a loro volta produttivi di altri interessi (in pratica è il calcolo degli interessi sugli interessi). Nella prassi bancaria, tali interessi vengono definiti “composti”. Un esempio di anatocismo è quello di capitalizzare (ossia sommare al capitale di debito residuo) gli interessi ad ogni scadenza di pagamento, anche se sono regolarmente pagati.

Share
 

I commenti sono chiusi.

© Copyright 2013 Studio Legale Iacobbi - Tutti i diritti riservati.
Nessuna parte di questo sito pu essere riprodotta senza il permesso scritto dello Studio Legale Iacobbi